Il conferimento di criptovaluta per l’aumento del capitale sociale. Requisiti di validità

Il conferimento di criptovaluta per l’aumento del capitale sociale. Requisiti di validità

di Andrea Biglia   

Tutti ormai siamo venuti in contatto, direttamente, indirettamente o anche solo de relato con il mondo delle criptovalute, valute digitali paritarie e decentralizzate  che basano le loro modalità di circolazione, di convalida delle transazioni, nonché di generazione di moneta stessa sui principi della crittografia. …

Leggi tutto.

---
PRIVACY e Sharing Economy: da start-up a colosso multimiliardario grazie alla condivisione dei dati

La nuova disciplina dell’assegno divorzile: contributo alla vita familiare come ulteriore criterio di attribuzione

di Eleonora Bruno

L’art. 5, VI comma della L. 898/1970 – Legge sul Divorzio – prevede l’obbligo per un coniuge di corrispondere a favore dell’altro un assegno post – matrimoniale nel caso in cui quest’ultimo, a seguito dello scioglimento del matrimonio, non abbia “mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive”. ...

Leggi tutto.

---
Privacy: tra autodeterminazione ed interessi superiori dello Stato

La depenalizzazione della falsificazione dell’assegno bancario munito di clausola di non trasferibilità.

di Jessica Bernardeschi

on sentenza n. 40256/2018, le Sezioni Unite Penali si sono occupate della questione relativa alla riconducibilità della falsità commessa su assegno bancario munito di clausola di non trasferibilità alla fattispecie regolata dall’art. 485 c.p., che disciplina la falsità in scrittura privata (oggetto di recente depenalizzazione ad opera del D.lgs. n. 7/2016), oppure all’art 491 c.p. che invece configura il reato di falsità in testamento olografo, cambiale o titoli di credito. . …

Leggi tutto.

---
I liberi professionisti non sono obbligati a designare un responsabile della protezione dei dati

G.d.p.r.: un primo sguardo al decreto legislativo di adeguamento della normativa italiana

Di Lorenzo Labruna

.09.2018 è entrato in vigore il D.Lgs. 101/2018, decreto che si occupa di adeguare le disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 (il c.d. G.d.p.r.) alle peculiarità dell’ordinamento italiano. Com’è noto, prima dell’introduzione del nuovo regolamento europeo in tema di privacy, la normativa in materia era contenuta nel D.Lgs. n. 196/2003 (il c.d. Codice Privacy). L’introduzione del G.d.p.r. – che, in quanto regolamento, …

Leggi tutto.

---
Internet e profilazione dell’utente: cosa cambia alla luce del Regolamento UE 2016/679

Le clausole on claims made basis e il giudizio di meritevolezza

di Eugenio Francesco Chiaravalloti   

Con la recente sentenza del 24.09.2018 n. 22437, a sezioni Unite, la Suprema Corte ha fatto chiarezza in materia assicurativa, in particolare sul trattamento giuridico delle c.d. clausole claims made ovvero “a richiesta fatta”, quale richiesta risarcitoria formulata dal terzo danneggiato...

Leggi tutto.

---
Videocamere sul luogo di lavoro:non basta il consenso dei dipendenti

Videocamere sul luogo di lavoro:non basta il consenso dei dipendenti

di Nunzia Pirro

La Suprema Corte torna a pronunciarsi in merito all’annoso tema dell’installazione di sistemi di videosorveglianza nelle aziende per il controllo dei dipendenti. L’argomento è di grande attualità ma allo stesso tempo estremante delicato per gli aspetti che va a trattare: privacy, diritti sindacali, tutela dei lavoratori e dei datori di lavoro. Con la sentenza n 38882/2018 la …

Leggi tutto.

---
Abnormita’ dell’imputazione coatta ordinata dal g.i.p. per reati diversi da quelli originariamente contestati

Abnormita’ dell’imputazione coatta ordinata dal g.i.p. per reati diversi da quelli originariamente contestati

Di Susanna Gallazzi

Con la recente Sentenza n. 40984 del 2018, le Sezioni Unite Penali sono state chiamate a decidere circa la possibilità per l’indagato, nei confronti del quale sia stata formulata richiesta di archiviazione, di proporre ricorso per cassazione avverso il provvedimento del Giudice per le Indagini Preliminari che, non accogliendo la richiesta del Pubblico Ministero, ordini a quest’ultimo …

Leggi tutto.

---
Ius variandi: i confini tra mutatio ed emendatio libelli

Ius variandi: i confini tra mutatio ed emendatio libelli

di Rosa Pantone

La Suprema Corte di Cassazione, con la recentissima sentenza del 13 settembre 2018 n. 22404, ha composto il contrasto giurisprudenziale relativamente alla novità (o meno) della domanda di indennizzo per arricchimento senza causa rispetto a quella originariamente proposta di adempimento contrattuale, delineando in modo chiaro i confini tra mutatio ed emendatio libelli. In particolare, gli Ermellini – …

Leggi tutto.

---

Per visualizzare tutte le news Clicca qui

---

Studio Legale Associato Martinez & Novebaci, Via Archimede, 56 - 20129 Milano

Tel. (+39) 0270002339 - Fax (+39) 02740707